• granata wrote a new post, Vision(ar)i, on the site granata 2 years, 5 months ago

    In tema di futsal.

    Ripenso a quanto mi disse qualcuno tempo fa: hai un’idea visionaria del futsal.

    Adesso si; mi ritrovo d’accordo, e mi sento completamente aderente a me stessa quando sono in campo, […]

  • granata wrote a new post, Senso di direzione, on the site granata 2 years, 10 months ago

    Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.

    Mahatma Gandhi

     

    Riflessioni post vacanza, prima di un altro inizio.

    Guardando le Olimpiadi mi sono ricordata come il calcio – genericamente pa […]

  • Alla fine mi mancano tante cose ma non mi manca il mio orgoglio e neppure quella nausea che derivava da un’appartenenza tradita.

     

    Let’s go exploring…

     

  • ci vuole fiato per dirsi addio

    (e se cito i Pooh è evidente che qualcosa non va)

    Niente.

    Non sono mai stata brava con gli addii, faccio proprio fatica a chiudere.

    Detesto quando finisce un f […]

  • granata wrote a new post, orizzonti, on the site granata 3 years, 10 months ago

    benvenuti

    ai progetti

    alle (belle) facce nuove

    al rinnovato travolgente entusiasmo

    a tutto quello che siamo, da fermi e in movimento

     

     

     

  • granata wrote a new post, non finisce mai, on the site granata 3 years, 11 months ago

     Il viaggio non finisce mai.

    Solo i viaggiatori finiscono.

    E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione.
    José Saramago

    !–more–

    Qualche giorno fa qualcuno di […]

  • granata wrote a new post, oggi sto così, on the site granata 4 years, 4 months ago

    Buonanotte, qui è Radio Raptus e io sono Ivan Benassi. Forse lì c’è qualcuno che non dorme; comunque, che ci siate oppure no, io ho una cosa da dire. Oggi ho avuto una discussione con un mio amico; è uno di quelli […]

  • granata wrote a new post, Emozioni da rientro, on the site granata 4 years, 4 months ago

    ThumbnailIl cuore lo mette sempre e comunque chi va oltre.

    !–more–

    GOLEADA TORINO

    Il risultato non smentisce il pronostico, ma quello che sorprende questa domenica è la facilità con cui le ragazze di Rango […]

  • ThumbnailUn giornalista chiese alla teologa tedesca Dorothee Solle:

    “Come spiegherebbe a un bambino che cosa è la felicità?”.

    “Non glielo spiegherei” rispose.

    “Gli darei un pallone per farlo giocare”.
    (Eduardo […]

  • “C’è solo un pò di nebbia che annuncia il sole.

    Andiamo avanti tranquillamente”.

    !–more–

    Non so davvero dove partire per raccontare questa trasferta, perché in mezzo a questo lunedì di pioggia non ho […]

  • granata wrote a new post, sconfitta, on the site granata 4 years, 7 months ago

    Thumbnail

    Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso.

    Ernesto Che Guevara

    !–more–
    ISOLOTTO FIRENZE – TORINO FUTSAL FEMMINILE 5-2 (3-1 p.t.)
     
    ISOLOTTO: Brugnoni, Cervera Rodriguez, Martìn Cortes, Pasos […]

  • granata wrote a new post, pali e pari, on the site granata 4 years, 7 months ago

    Thumbnail

    “Una squadra è il riflesso del proprio allenatore: se lui l’allenerà amandola da impazzire, questa impazzirà per lui.”

    M.Bellarte

    !–more–

    Il pareggio ha una caratteristica tutta sua: alla fine […]

  • Thumbnail

    “Uno non è un grande allenatore quando fa muovere un giocatore secondo le proprie intenzioni, ma quando insegna ai giocatori a muoversi per conto loro. L’ideale assoluto, che come tale non è mai raggiungibile, […]

  • Thumbnail

    “La gentilezza delle parole crea fiducia.

    La gentilezza di pensieri crea profondità.

    La gentilezza nel donare crea amore.”
    Lao Tse

  • “Ogni gesto che dalla gente comune e sobria viene considerato pazzo coinvolge il mistero di una inaudita sofferenza che non è stata colta dagli uomini.”

    Alda Merini

    !–more–

    Ovvero come trasformare una […]

  • “Allenare significa affrontare una serie infinita di sfide:

    la maggior parte di esse ha a che vedere con la fragilità dell’essere umano.”

    A. Ferguson

     

    cosa bevi?

     

    Intro

    In questi due giorni in terra sarda mi è capitato di parlare poco e osservare molto: in fondo la maggior parte della mia squadra la conosco poco.

    A mente fredda provo a pensare a tutti i dettagli che mancano per farci diventare LA squadra, quella dell’annata perfetta e questo esula da ogni tipo di giudizio nei conforti delle persone, che non sarei qua a scrivere se non le riconoscessi innanzitutto degne del mio tempo libero e della mia passione.

    Nessuno scherzo, tante lamentele, si parla pochissimo di sé, troppo dell’ ”altra”, ci si abbraccia virtualmente su facebook o wapp e non si litiga se non sul campo.

    Ok, non è che dobbiamo massacrarci anche fuori da campo ma perché tanta paura ad affrontarsi se non sul terreno di gioco? Perché deve venire fuori tutto in campo? Perché sostituire un sano confronto con un’espressione abbozzata? Perché tanta ostinazione nel voler far finta di niente?

    Ci penso.

    Futsal?

    Racconto di una partita che non mi è piaciuta per nulla, senza trovare scuse quali caldo, insulti bestemmie e quant’altro ma racconto anche di una partita che abbiamo capovolto e stravolto nell’arco di mezz’ora.

    Nel primo tempo lasciamo due imbucate centrali elementari e prendiamo un gol su punizione dopo aver sbagliato una quantità inenarrabile di gol: impazienza, respiro affannoso e ansia da volerli fare ci rendono poco lucide sotto porta.

    Partono gli animi e le parole mentre il gol non arriva: mi incazzo.

    Ritrovo le mie ragazze e un po’ di lucidità nell’intervallo.

    E così a metà del secondo tempo siamo 4 a 2 per noi con Jessica e Sharon che fanno male anche e finalmente sotto porta; loro ci avvicinano con la rabbia di chi ha voglia di muovere la classifica e accorciano a meno uno ma noi ci siamo, non ci facciamo innervosire e voliamo 6 a 3 con il puntone di Roxy e ancora con Jessica. La partita si chiude con un gol preso con il portiere di movimento e tante altre occasioni per noi che sfumano di poco.

    Titoli di coda

    È che quando vedo una delle mie ragazze che piange penso che proprio non sto facendo un buon lavoro.

    Poi penso che forse lo sto facendo, perché hanno tanto cuore.

    Mi porto a casa l’idea che è meglio lavorare e lasciare che sia il campo a dire la sua ora dopo ora, allenamento dopo allenamento,  ma anche la sensazione che certi segnali non vanno sottovalutati, soprattutto quando la classifica parla di noi come una squadra da battere.

     
    Il tabellino:

    ELMAS – TORINO FUTSAL FEMMINILE 4-6 (2-0 p.t.)

    ELMAS: Concu, Impera, Orrù Alessia, Congiu, Melis; Orrù Alessandra, Sullis, Pinelli, Citti, Milia, Piga. All. Puddu. 

    TORINO: Anselmo,  Ferri, Losurdo, Bisogno, Ion, Forno, Antonazzo, Marrari. All. Rango.

    ARBITRI: Giannantonio (Campobasso), Papotto (Roma 1). CRONO: Frau (Carbonia).

    MARCATORI: 12′ p.t. Impera (E), 17′ Orrù Alessia (E); 2′ s.t. Ferri (T), 6′, 7′ Losurdo (T), 11′ Ferri (T), 14′ Losurdo (T), 15′ Ferri (T), 18′ Orrù Alessandra (E).

    AMMONITI: Melis (E).

     

  • granata wrote a new post, anima salva, on the site granata 4 years, 8 months ago

    Thumbnail“E’ protestare questo? A me sembra che sia semplicemente vivere.

    Dignitosamente.

    Sapersi al mondo: ecco”

    Ma qualcuno si immagina un calciatore che oggi parla e segna così?

     

    Io no.

  • granata wrote a new post, Castelli di rabbia, on the site granata 4 years, 8 months ago

    Thumbnail

    Un uomo che non sa come arrabbiarsi non sa come essere buono.
    (Henry Ward Beecher)

     !–more–

    Dopo la settimana horribis che ci ha visti più attivi fra i meandri della burocrazia che in campo, scusateci […]

  • granata wrote a new post, loop, on the site granata 4 years, 8 months ago

    ‘Non è la fatica è lo spreco che mi fa imbestialire’

    Dicono che le vittorie fanno morale, ma ammetto che il mio morale ieri sera non era granché.

    È che le donne sono proprio imprevedibili, strane, umorali: figuriamoci un gruppo di donne che amplifica ogni singola stranezza. -lo so pensato da una donna fa abbastanza ridere-

    E così capita che vinci fuori casa con un risultato tondo e ti porti a casa 3 punti d’oro ma torni incazzata, con il mal di testa e pure preoccupata perché, essendo io persona che si mette in dubbio, cerco sempre di capire, innanzitutto, cosa ho sbagliato.

    A differenza di domenica ho avuto paura eccome di pareggiare anzi pure di perdere perché mi sembrava di non vedere la mia squadra: sembravano in un loop che non riconosco, non amo e al quale non mi voglio abituare.

    Avanti uno a zero e poi un semplice movimento che ci mette in crisi, le orecchie si tappano quasi a voler rifiutare di sentire la soluzione e via con la colpa all’una, all’altra e a chi per esse.

    Il loro pareggio arriva a 10 minuti dalla fine, meritato per caparbietà e pressione, dopo che il nostro portierino ci leva le castagne dal fuoco in più di un’occasione.

    Ale mi dice “meglio adesso, hanno tempo di reagire” e un po’ mi tranquillizza.

    E reazione sia, 4 azioni perentorie ed è subito 5 a 1 con il bomber che ne mette tre e l’ormai solito gol del capitano che sancisce la fine del match.

    Cosa fare di questa domenica + compiti della settimana: tenere stretti i tre punti, lavorare sui movimenti e sincronie, ricominciare a sorridere.

     

     

    DECIMA SPORT CAMP – TORINO FUTSAL FEMMINILE 1-5 (0-1 p.t.)

     

    DECIMA SPORT CAMP: Baldini Bastoni, Fortuna, Cassanelli, Cumani, Paggiarino; Facchini, Caretti, Sasdelli, Gubellini, Tallerico, Montanari, Bagnoli. All. Diegoli.

     

    TORINO: Gorrea, Antonazzo, Losurdo, Bisogno, Ion; Anselmo, Marrari, Ferri, Gioffrè. All. Rango.

     

    ARBITRI: Vidotto (San Donà di Piave), D’Angelo (La Spezia). CRONO: Mestieri (Finale Emilia).

     

    MARCATORI: 4′ 30” p.t. Losurdo (T); 10′ s.t. Cumani (D), 12′, 15′ 30”, 19′ Ion (T), 19′ 30” Marrari (T).

  • Load More