• SABATO 30 MARZO’019 alle 22

    Non perdete l’ultimo appuntamento stagionale a @Vag61!

    Per questo round abbiamo convocato Mr. De La Fuentez Aka Don Crasher from Old Fashioned Rude Boys (Berlino).

    BC7P […]

  • Pubblichiamo in questa pagina gli audio, le foto e un video degli straordinari tre giorni di Contrattacco! Festival di letteratura sociale / 9-10-11 novembre 2018 @Vag61 e ringraziamo le centinaia di persone che […]

  • Assemblea pubblica 14 Marzo ore 20.30,
    @Vag61 Spazio Libero Autogestito
    via Paolo Fabbri 110, rione Cirenaica, Bologna
    Autogoverno della città!
    La giustizia ai tempi dei tavoli
    Nell’ultimo incontro del […]

  • Venerdì 27 gennaio dalle ore 19
    @Vag61 – Spazio libero autogestito
    via Paolo Fabbri 110 Bologna

    – ore  20:00  cena di autofinanziamento dell’associazione

    – ore 21:30  parliamo di sicurezza e rete con H […]

  • VENERDI’ 1 APRILE @VAG61, via Paolo Fabbri 110
    La serata apre l’incontro di tre giorni “Movimenti e welfare. Quali pratiche tra difesa dell’esistente e trasformazione?” che fa parte del ciclo di eventi de IL […]

  • Venerdì 27 giugno @Vag61vinileetr
    Dall’Expo a Fico, passando per SlowFood, Coop e Eataly: la filiera corta dello sfruttamento!
    h19 Video sull’Expo. Presentazione della storia dalla prima edizione a quella di Milano : storia, eventi collegati. A cura del collettivo Off Topic (Milano)
    h20.30 cena autogestita a cura di Eat the Rich!
    H21.30 Presentazione di “Nessuna faccia buona, pulita e giusta a Expo2015”, dossier su SlowFood, Coop Italia e Eataly. A cura del collettivo Farro&Fuoco (Milano)
    Come Eat the Rich! ci siamo mossi dalle ormai fatidiche domande, se fosse possibile avere dei pranzi che fossero buoni e alla portata delle tasche di tutt@, fuori dalle logiche della grande distribuzione organizzata che giocano al ribasso sui prezzi ma anche sulla qualità, avendo accesso ai prodotti nel rispetto dei tempi della natura e liberi da ogni sfruttamento del lavoro. Le nostre risposte le abbiamo trovate autorganizzandoci in cucine collettive, mettendoci in rete con produttori locali, CampiAperti, Gruppi d’Acquisto, SosRosarno, Genuino Clandestino.
    Allo stesso tempo ci siamo resi conto di quanto anche il capitale negli ultimi anni si stia riorganizzando per mettere a valore, e sfruttare il più possibile, il cibo e il discorso attorno all’alimentazione.
    Non è un caso che la prossima Esposizione Universale che si è aggiudicata Milano abbia come claim “Nutrire il pianeta, Energia per la vita”. Non è un caso che uno degli imprenditori più promossi dalla stampa, e ora anche dal suo amichetto Renzi al governo, sia quel Farinetti di Eataly. Non è un caso che anche qui a Bologna si provi a cavalcare questo trend – nell’ultimo disperato tentativo di rilancio della città dopo essersi già autocastrata come Bologna la rossa, la creativa, Bologna degli studenti, città della musica, la smart city – ci si prova adesso col cibo: City of food is Bologna. E via con i mega-progetti, con i soliti noti pronti a spartirsi la torta. Dal mercato di mezzo alla grande opera FICO, Farinetti e le Coop su tutti.
    E’ per questo che abbiamo invitato due realtà che a Milano da tempo stanno lavorando per fare controinformazione e opporsi all’Expo2015. Evento che racchiude in sé molte delle contraddizioni del capitalismo contemporaneo. Dalla speculazione edilizia e la gentrificazione di interi quartieri, allo sfruttamento di forza lavoro, precarizzazione a lavoro gratuito mascherato da formazione e stage. Il tutto condito con l’enfasi e l’appeal delle più classiche operazioni di green-washing e la retorica del grande evento.
    Riteniamo importante insistere nel costruire il più collettivamente possibile percorsi di lotta comuni in opposizione alle Grandi Opere e ai Grandi Eventi con tutto il loro portato di precarizzazione e sfruttamento.
    Vorremmo fosse un’occasione di discussione per la città e le sue realtà attive, per confrontarsi su quanto sta avvenendo sul piano nazionale e, in piccolo, su quello locale, per riempire di contenuti e sostanziare la nostra opposizione alle politiche degli amministratori locali, del governo Renzi e dei suoi capitani d’industria Poletti e Farinetti.
    Stay foolish,
    Stay hungry,
    Eat the Rich!